Semi cannabis

Vuoi comprare semi di cannabis (o marijuana) online?

L’Erba Proibita vuole offrire solo il meglio ai propri clienti ed è per questo che nel nostro shop online puoi trovare i semi di cannabis più ricercati: semi autofiorenti, semi di marijuana femminizzati, semi CBD e semi di cannabis light legale.

Possediamo molteplici varietà, ognuna caratterizzata da un valore di CBD e THC diverso, per soddisfare ogni vostra esigenza.
Fra le varietà di semi di ganja che potete trovare sono presenti genetiche derivanti dall’OG Kush, dall’Amnesia Haze, dalle varietà Cookies, Gelato e molto altro ancora!

Anche l’aroma delle genetiche dei nostri semi di marijuana autofiorenti varia molto. Certe genetiche di marijuana ricordano un aroma dolce e fruttato unito al gusto di nocciole e mentolo, altri, invece, un aroma fresco unito al limone e incenso.

Scopri tutti i prodotti e scegli i semi di marijuana migliori!

Non sai quali semi di cannabis scegliere? Non esitare a contattarmi alla mail [email protected]

Show Filters

Visualizzazione di 17-32 di 95 risultati

Show Filters

Visualizzazione di 17-32 di 95 risultati

Cosa sono i semi di Cannabis?

I semi di cannabis, o semi di marijuana, sono i semi prodotti dalla pianta di Cannabis sativa, una specie botanica che ha una lunga storia di utilizzo umano. Ci sono due tipi principali di cannabis: Cannabis indica e Cannabis sativa, e queste possono essere incrociate per produrre ibridi.

Questi semi sono utilizzati in una varietà di modi. Possono essere piantati per crescere nuove piante di cannabis. Oltre a ciò, sono anche consumati per i loro benefici nutrizionali, perché sono una fonte ricca di proteine, fibre, acidi grassi omega-3 e omega-6 e altri nutrienti essenziali.

È importante sottolineare che, a differenza di altre parti della pianta di cannabis, i semi non contengono tetraidrocannabinolo (THC), il principale composto psicoattivo della cannabis. Di conseguenza, non hanno gli effetti psicoattivi associati all’uso di altre parti della pianta.

I diversi tipi di semi di marijuana

La pianta di cannabis è conosciuta per la sua versatilità e le numerose varianti esistenti, ognuna con le sue uniche caratteristiche e proprietà. Una componente fondamentale di questa biodiversità è rappresentata dai semi di cannabis, i piccolimotori” da cui germogliano le piante. Questi semi, in realtà, non sono tutti uguali: esistono diversi tipi di semi di cannabis, ciascuno con specifiche peculiarità e adatti a differenti esigenze di coltivazione e consumo.

Semi autofiorenti di cannabis  

I semi di cannabis autofiorenti provengono da varietà di piante che fioriscono automaticamente dopo un certo periodo di crescita, indipendentemente dal ciclo di luce/giorno. Questo è in contrasto con le varietà di cannabis “fotoperiodiche”, che fioriscono in base al ciclo di luce/giorno, che generalmente iniziano a fiorire quando le giornate iniziano a diventare più corte. 

La caratteristica autofiorente è tipica delle varietà di Cannabis Ruderalis, una sottospecie di cannabis che si trova in aree con estati molto brevi. Queste piante hanno sviluppato la capacità di fiorire automaticamente per assicurarsi di completare il loro ciclo vitale prima dell’arrivo del freddo inverno. 

Negli ultimi anni, gli allevatori di cannabis hanno iniziato ad incrociare la Cannabis ruderalis con altre varietà di cannabis per creare ibridi autofiorenti. Questi semi di cannabis autofiorenti combinano la ruderalis con altre caratteristiche desiderabili, come l’alto contenuto di THC o CBD o particolari profili di terpeni. 

I semi autofiorenti sono particolarmente apprezzati da coltivatori principianti o da chi desidera ottenere un raccolto più rapidamente, dato che tendono a raggiungere la maturità molto più velocemente rispetto alle varietà fotoperiodiche. Inoltre, la loro capacità di fiorire indipendentemente dalla luce rende questi semi adatti alla coltivazione sia indoor che outdoor. 

Semi femminizzati di marijuana 

I semi di cannabis femminizzati sono semi che sono stati geneticamente modificati o manipolati per produrre solo piante femmine. Questo è importante perché solo le piante femmine di cannabis producono i fiori ricchi di cannabinoidi (come il THC e il CBD). 

Nella cannabis naturale, le piante possono essere maschili o femmine. Le piante maschili producono polline, che può fecondare le piante femmine causando la produzione di semi. Quando le piante femmine sono fecondate, investono molta energia nella produzione di semi invece che nella produzione di fiori. Di conseguenza, i fiori di cannabis fecondati contengono meno cannabinoidi e hanno una qualità inferiore rispetto ai fiori non fecondati. 

Per evitare questa situazione, i coltivatori spesso cercano di rimuovere le piante maschili non appena vengono identificate, ma questo può essere un processo laborioso e richiede una costante vigilanza. I semi femminizzati eliminano quasi completamente la possibilità di una pianta maschio, semplificando il processo di coltivazione. 

La creazione di semi femminizzati coinvolge tecniche di breeding che inducono una pianta femmina a produrre polline, che poi viene usato per fecondare un’altra pianta femmina. Il risultato è un seme che contiene solo cromosomi femminili e che, quindi, produrrà solo piante femmine. 

Va però notato che, anche se la probabilità che una pianta maschio emerga da un seme femminizzato è estremamente bassa, non è del tutto eliminata. 

Semi di cannabis CBD 

I semi di cannabis CBD sono semi che sono stati selezionati o geneticamente modificati per produrre piante con un alto contenuto di cannabidiolo (CBD), uno dei principali composti attivi presenti nella pianta di cannabis. 

Il CBD è un cannabinoide non psicoattivo, il che significa che non produce l’effetto “high” comunemente associato al consumo di cannabis. Di conseguenza, i semi di cannabis CBD sono diventati molto popolari tra i coltivatori che sono interessati a produrre cannabis per uso medico o per coloro che desiderano consumare cannabis per i benefici del CBD senza gli effetti psicoattivi del THC.  

Come riconoscere i semi di cannabis maschio e femmina?

Il sesso di una pianta di cannabis non può essere determinato guardando semplicemente il seme. Anche se ci sono alcune teorie popolari che suggeriscono che le differenze di forma e colore del seme possono indicare il sesso della pianta, queste teorie non sono sostenute dalla ricerca scientifica e non sono affidabili. 

Il sesso di una pianta di cannabis può essere determinato solo dopo che la pianta ha iniziato a crescere e ha raggiunto una certa maturità. Durante la fase di crescita vegetativa, poco prima della fioritura, la pianta inizia a mostrare segni del suo sesso.